Perché l'economia italiana rimane paralizzata


    Per capire meglio i problemi dell'economia italiana bisogna guardare a uno dei grandi parastatali che si chiama Italgas Reti spa, una società per azioni che "porta il gas naturale a 5,6 milioni di utenti privati o commerciali in oltre 1310 località italiane tra cui Roma, Venezia e Napoli".

    Un bellissimo business quasi monopolistico. Per risparmiare personale e non essere disturbata dai problemi e dalle domande degli utenti, Italgas ha costruito un elaborato sistema per impedire l'ingresso indesiderato dall'esterno, un muro impenetrabile come i confini della Corea del Nord.

Prima difesa:

    Già nel 2008 (secondo fonte interna), Italgas ha chiuso gli sportelli per la comunicazione diretta con gli utenti. In seguito, Italgas ha man mano eliminato tutti i numeri di telefono ad eccezione di due del tipo 800. Il primo numero viene utilizzato esclusivamente per comunicare eventi pericolosi come perdite di gas, ecc. Il personale rispondendo si rifiuta categoricamente di discutere qualsiasi altro problema.

La seconda difesa:

    Il secondo telefono 800 serve come canale per tutto e tutti, clienti, installatori e richieste commerciali. Premendo la corretta sequenza di tasti uno a tre, si può incontrare una voce umana.

La terza difesa:

    Se la voce non piace al personale che risponda, la linea si disconnette. Succede spesso.

La quarta difesa:

    Una signora risponde. La richiesta di ripristinare la fornitura di gas dopo la chiusura a causa di una piccola perdita di gas in una casa privata non deve essere indirizzata a Italgas, spiega la signora. Dovrebbe invece essere indirizzata al fornitore di gas: a Roma la municipalizzata Acea. Non e vero, risponde l'Acea: noi non c'entriamo nulla: la rete è di esclusiva competenza di Italgas. Forse è stata la stessa signora a tentare ancora una volta questa strategia di difesa, un altro giorno.

La quinta difesa:

    Una signora accede al fascicolo dell'utente. Dopo una ricerca approfondita decide: c'è una morosita. Bisogna risolvere il problema con il fornitore di gas. L'Acea reagisce con sorpresa: non c'è morosita, tutto è in ordine.

La sesta difesa:

    Una signora molto gentile suggerisce di chiamare l'altro numero 800, il numero di emergenza, e di insistere. Avere il gas è un suo diritto, dice. Incoraggiante, ma inutile.

La settima difesa:

    Un uomo con l'aria di competenza ascolta tutto e decide di scrivere un sollecito al servizio tecnico e chiedere il ripristino della fornitura di gas. Come ogni volta bisogna aspettare 48 ore per il servizio tecnico di rispondere. Se non funziona richiama.... dice. Risultato del sollecito: zero


    In breve. Le mura di Italgas sembrano impenetrabili e il numero telefonico 800 per il grande pubblico offre l'accesso solo a un Call Center con personale poco addestrato che ha accesso alle pratiche individuali ma non può decidere nulla; può solo inviare "sollecitazioni" che forse finiscono nel nulla. Insomma: il compito principale del Call Center sembra di raggirare e scoraggiare gli utenti.


    Va comunque ricordato che Italgas rimane un'azienda privata anche se ha un carattere parastatale. C'è sicuramente del peggiore in Italia.

Heinrich von Loesch