I requisiti
L'Italia ha un governo che è pronto a rompere tutti i tabù, a cercare nuove strade e che ha urgente bisogno di grande successo. Questo governo rappresenta un capitale potenziale perché offre una strada verso una nuova Eurolandia.
La Francia di Macron chiede il rinnovamento dell'Europa e offre proposte di riforma significative.
Gli Stati Uniti di Donald Trump stanno cercando di trattare l'Europa come una colonia, di minare l'UE e l’Eurolandia e di sostenere le tendenze centrifughe.
Anche la Russia di Putin rafforza le forze centrifughe europee e spera, come Trump, nella disintegrazione della Confederazione.
La Cina attende che l'Europa si disintegri e porti paesi in declino come la Grecia e l'Italia a buon mercato sotto la sua dominazione economica. La Cina entrerebbe a far parte dell'Europa senza formalmente possedere terreni.
La Germania di Angela Merkel è stanca e si salva da un giorno all'altro. Gli mancano la visione e la forza per riformare l'Europa. Tuttavia, solo la Merkel ha la statura e il prestigio necessari per osare tagli radicali e un nuovo inizio.
La situazione di partenza
Il nuovo governo italiano ha innescato dei riflessi difensivi. I paesi limitrofi stanno rafforzando i controlli alle frontiere per prevenire il previsto esodo di massa di immigrati clandestini dall'Italia. Bruxelles e altre capitali stanno febbrilmente valutando come contrastare le provocazioni finanziarie di Roma e come aiutare l'Italia quando il suo enorme debito nazionale, attualmente di 2,28 billioni di euro, viene declassato a livelli spazzatura dalle agenzie di rating e gli acquisti della Banca centrale europea finiscono automaticamente perché la sua politica consente solo il commercio di titoli di prima classe, in qualche misura dorati.
Dal marzo 2015, la BCE tiene a galla l'Italia con i suoi acquisti di titoli di Stato. Se questa azione dovesse concludersi bruscamente per ragioni tecniche, come probabilmente farà il nuovo governo nonostante le sue iniziali calmanti dichiarazioni, gli spread sui titoli di Stato italiani saliranno a livelli tali che Roma e i suoi enti locali saranno praticamente esclusi dal mercato monetario.
A causa dell'elevato livello del debito esistente, vi è il forte rischio che l'Italia non sia più in grado di onorare i debiti in scadenza: Stato fallimentare. Anche se il governo resiste alla tentazione di sostituire gli attuali gestori del debito pubblico con persone di partito inesperte, ci si può aspettare il peggio.
Questa situazione sta costringendo l’Eurolandia ad agire. Come tutti sanno, l'Italia non deve fallire per l'importanza e l'entità del suo debito. Le banche francesi e la Commerzbank tedesca detengono nei loro portafogli miliardi di titoli di Stato italiani, per non parlare delle banche italiane. In linea di principio, le banche dovrebbero già classificare le obbligazioni italiane come in sofferenza, il che causerebbe a loro enormi problemi di liquidità, soprattutto se non dovessero utilizzare capitale proprio per l'acquisto di titoli ufficialmente considerati come dorati.
Se l'Italia si troverà in difficoltà, il resto della zona euro sarà affrettato e disperato a trovare miliardi per riempire i buchi dell'Italia. E non c'è fine in vista. Il Fondo Monetario Europeo progettato della Merkel ancora non esiste, neppurre la capacità fiscale proposta da Macron. 

In questa situazione imbarazzante - una zona sismica finanziaria - qualsiasi errore di un governo inesperto e ideologicamente caricato può scatenare gli stessi shock di una politica maldestra a Bruxelles o a Berlino. Con ogni miliardo che di Stati partner gettano nel buco dell'Italia, i tifosi del governo di coalizione eurofobico a Roma trionferebbero: abbiamo costretto Bruxelles e Berlino a pagare per noi! Si può immaginare il malcontento del Nord. Soprattutto perché ogni governo a Roma può usare la minaccia del fallimento nazionale per ricattare la zona euro e con essa l'intera OCSE, che ha paura di un crash.
Di fronte a prospettive così fosche, ci si deve chiedere: non c'è altro modo?

Il progetto

Ci potrebbe essere un altro modo. Invece di armeggiare con degli attrezzi obsoleti sul caso di riparazione cronica dell'Italia, si potrebbe trovare il coraggio di riscattare un intervento chirurgico. La zona euro dovrebbe finalmente fare ciò che fece l'America nel 1790, quando il governo centrale si assunse i debiti degli Stati settentrionali fortemente indebitati a causa della guerra di liberazione.
Gli Stati meridionali, che erano poco o per nulla indebitati, all'epoca si opposero con successo all'assunzione del debito. Per placarli, gli fu promesso che la nuova capitale (Washington DC) sarebbe stata costruita al sud, al confine tra Maryland e Virginia.
Oggi sono gli Stati settentrionali dell'Unione europea che si oppongono all'assunzione dei debiti degli Stati meridionali. Purtroppo non c'è più capitale in Europa da offrire a loro: ne abbiamo già due, Strasburgo e Bruxelles, entrambe al nord. I debiti del Sud non derivano da una guerra eroica, ma da spese sconsiderate e dalla corruzione. Per quanto si possa alzare il naso, i debiti, soprattutto quelli dell'Italia, purtroppo ci sono e conducono la propria vita.
Tuttavia, se oggi mi esprimo a favore dell'assunzione del debito, è perché non vedo altre soluzioni. Non mi riferisco alla Grecia, i cui debiti da tempo sono detenuti esclusivamente da istituzioni statali e internazionali. Mi riferisco all'Italia, di cui solo una piccola parte ha un debito nei confronti di un'autorità sovranazionale, la BCE.
Per uscire dalla potenziale zona seismica, il debito pubblico italiano, che dal 2013 oscilla di circa il 130 per cento del prodotto interno lordo, deve essere ridotto a un livello credibilmente gestibile. Vieni, diciamo, la metà. Con un debito residuo del 65 per cento del PIL, l'Italia sarebbe un normale paese europeo con accesso illimitato ai mercati monetari. Il resto dell'area dell'euro dovrebbe accollarsi debiti per circa 1,15 bilioni di euro. La capacità fiscale proposta dal presidente francese Macron potrebbe essere un buon veicolo a tal fine. Esso è destinato a diventare uno strumento di armonizzazione delle politiche fiscali nazionali. Essa potrebbe ricevere la metà del debito dello Stato italiano, degli enti locali e degli enti di previdenza e assistenza sociale. Con la consulenza del Fondo monetario europeo proposta dalla Cancelliera Merkel, potrebbe sorvegliare la gestione e il servizio del debito e distribuire l'onere tra i singoli Stati dell'euro. In base alla sua quota di capitale della BCE, la Germania dovrebbe contribuire per il 28% all'alleggerimento parziale del debito dell'Italia, pari a 638 miliardi di euro. In confronto, la quota della Germania nel pacchetto di salvataggio in euro del 2010 è stata di 123 miliardi di euro. Il prodotto interno lordo della Germania ammonta attualmente a circa 3,3 bilioni di euro.
È importante che i creditori stranieri non siano favoriti nell'alleggerimento parziale del debito dell'Italia. Non dobbiamo, come è accaduto in Grecia, servire banche e investitori stranieri e lasciare i risparmiatori e le banche italiane nella pioggia. Il risultato sarebbe invece del previsto salvataggio il collasso dell'economia italiana.

Se... se i politici italiani non ricaderanno nella loro vecchia sciatteria dopo il parziale condono del debito. Purtroppo, la fiducia in loro non può essere maggiore di quella nei loro colleghi greci.

Per questo motivo dobbiamo chiedere a Roma di rinunciare alla propria sovranità finanziaria e trasferirla a Bruxelles nel quadro di una riduzione parziale del debito. Non più Tesoro a Roma, solo un'agenzia esecutiva. Anche se il governo e il parlamento italiani fossero disposti a compiere questo passo, non sarebbe sufficiente. L'Italia ha bisogno di aiuto per le riforme che i suoi governi e parlamenti eludono da decenni. In altre parole: L'Italia ha bisogno di una troika basata sul modello greco. Ma non c'è bisogno di andare così male come in Grecia, perché la troika potrebbe essere guidata da italiani.
L'Italia ha ottimi e incorruttibili esperti in tutti i settori – st pensando a persone come Carlo Cottarelli o Carlo Calenda - che riformerebbero radicalmente il Paese se gli venisse dato il potere e la protezione dai politici classici, dalle mafie, dai sindacati e dai lobbisti nei parlamenti.
In linea di principio, l'economia italiana è un gigante autodisciplinato. Nonostante la burocrazia prepotente e cinica, nonostante la scarsa istruzione, nonostante la pressione della criminalità organizzata e la miseria della magistratura, l'industria italiana è vitale e brilla di buone cifre. Le molte migliaia di piccole e medie imprese sono robuste, estremamente laboriose e inventive, anche nell'evasione fiscale. Riescono a sopravvivere anche se lo Stato, le sue istituzioni, i monopoli onnipresenti e i sindacati cercano di distruggerli con tasse, imposte e regolamenti.
L'Italia con l'aiuto di Bruxelles e di una troika: questa potrebbe essere una grande storia di successo.
Per la Germania di Merkel, l'idea di farsi carico volontariamente di gran parte del debito pubblico italiano è oggi inaccettabile. Anche se la logica economica dice che l'alternativa sarebbe un'assunzione di debito lenta e frammentaria che lascerebbe l'Italia così com'è oggi: con sovranità finanziaria e un governo che potrebbe ancora deridere Bruxelles e Berlino per dover pagare. Immaginate i commenti della Bild-Zeitung !
E 'il momento di tornare alle origini. Noi europei siamo nolens volens seduti molto vicini nella stessa barca. Ogni anno l'Europa si avvicina, le competenze linguistiche e la volontà di impegnarsi in un dialogo transfrontaliero che, grazie a Schengen e all'euro, frontiere a quali non si avverte più. Un italiano non è più straniero in Germania: sono i nigeriani, gli afghani, i ceceni. In Italia, il tedesco è forse considerato bizzarro, ma non come uno straniero. La cultura non conosce confini. La distanza culturale tra Flensburg e Altötting è forse maggiore di quella tra Altötting e Corleone.
E un'altra cosa: chissà quale significato avrà l'Italia nel lungo periodo per il futuro dei tedeschi? In un periodo di rapidi cambiamenti climatici, sembra impossibile fidarsi della corrente del Golfo per continuare a riscaldare l'Europa settentrionale. Infiniti inverni freddi potrebbero spingere l'entusiasmo dei tedeschi per il sud soleggiato ad altezze inimmaginabili: L'Italia, la Grecia e forse il Marocco potrebbero fornire una nuova casa a milioni di tedeschi e ad altri rifugiati dal freddo. Filatura? Chissà cosa. Anche questo è un motivo per non alienare i nostri vicini.
Rialzo
I tempi sono maturi per una grande operazione di salvataggio. Un nuovo governo in Italia ha fame di successo e di anticonformismo. La Francia chiede un nuovo inizio europeo. Ora la Cancelliera Merkel è molto richiesta. Solo lei avrebbe la statura di chiedere e avviare un'azione del genere. Ha dimostrato più di una volta che può girare il suo atteggiamento di 180 gradi durante una notte, se si arriva alla conclusione che le cose non continueranno come prima. Ha fatto questa rapida svolta, che gli anglosassoni chiamano flipping e gli Italiani dietrofront, alla svolta energetica e all'apertura delle frontiere per i rifugiati siriani. Ora è tempo di un'altra svolta di 180 gradi per la Merkel.
Heinrich von Loesch